Il negozio del futuro: come l’innovazione digitale cambierà il mondo del retail

29 Set. 2018
L’innovazione digitale nel mondo del retail

Niente più interminabili code alle casse o giri a vuoto tra le vetrine dei negozi: la tradizionale spesa e lo shopping verranno rivoluzionati dalle nuove tecnologie che offriranno al consumatore esperienze d’acquisto totalmente innovative. Sembra quasi un paradosso, ma è il gigante dell’ecommerce Amazon che ha recentemente lanciato una nuova idea di negozio.

Si chiama Amazon Go ed è stato aperto per la prima volta a inizio anno a Seattle. La novità più evidente è che per pagare non si deve aspettare il proprio turno in cassa, ma si esce tranquillamente da uno dei tornelli presenti. Questo perché una serie di telecamere e sensori è in grado di individuare automaticamente quali sono i prodotti che il cliente sta mettendo nel carrello: una volta terminata la spesa, il conto totale verrà direttamente addebitato sul portafoglio virtuale della persona.

Il futuro non ci riserva soltanto una maggior comodità o velocità nell’acquisto, ma un aiuto nel prendere le decisioni. Il concetto chiave è quello di dispositivi connessi che comunicando tra loro possono dare informazioni e coinvolgere i consumatori in un’esperienza molto più completa. Per farlo può essere utilizzata la scansione del codice a barre che diventa utile non solo al punto vendita per la gestione della propria merce ma anche al consumatore.  Walmart sta mettendo a punto la tecnologia “Scan and go”: un modo per rendere più rapido il conto finale da pagare in cassa, ma i codici a barre in realtà danno anche altre possibilità. Tra le più interessanti quelle legate ad informazioni sul prodotto come gli ingredienti utilizzati, la provenienza e la filiera che sta dietro. Il tutto scansionando il barcode attraverso il proprio smartphone.

Altra tecnologia di interesse è quella legata alla segnaletica digitale, la digital signage, ossia la serie di tecnologie che all’interno di negozi offrono al cliente informazioni visive immediate sui prodotti in vendita. Messaggi mirati in modo specifico e interattivi che servono a destare un senso di curiosità nel consumatore garantendo anche un livello di coinvolgimento più elevato. Il dialogo con il cliente attraverso questa “segnaletica” può essere davvero il modo migliore cui i negozi potranno avere un rapporto diretto con le persone. Un’altra tecnologia che ha un simile obiettivo è quella dei beacon, sensori che interagiscono con applicazioni specifiche sullo smartphone per indicare la posizione di un prodotto che desideriamo oppure per mandare notifiche quando alcune marche offrono delle promozioni.

 

Un settore ancora da sviluppare è quello dell’intervento di assistenti personali virtuali che ci consigliano sugli acquisti da realizzare.

Un mezzo che permette al cliente di dialogare con un’intelligenza artificiale capace di rispondere alla domande e ai dubbi. Ma l’obiettivo non è quello di sostituire il mestiere dei commessi: in futuro questi assistenti potranno tenere in memoria gli acquisti fatti dai clienti e ne proporrano perciò di simili, in base a quelli già effettuati in passato.

Top Advices

COME LA RIVOLUZIONE DIGITALE CAMBIA IL MONDO DEL MARKETING E DELLE VENDITE

In questo caso si parlerebbe di un passo ulteriore che prevede anche la personalizzazione del marketing rispetto al target di riferimento.

Grandi opportunità le offre anche la realtà aumentata che punta a una sovrapposizione tra elementi virtuali e mondo reale. Ecco che quindi alcuni specchi intelligenti come quello sviluppato dall’azienda SenseMi permettono di “provare” i trucchi sul viso prima di acquistarli. Ma forse ancora più utile è la possibilità di indossare a livello virtuale diversi capi di abbigliamento per capire quale sta meglio addosso. Esistono poi già dei camerini intelligenti che offrono al cliente tutte le informazioni necessarie sul vestito scelto. Una novità che è stata già portata all’interno dello store di Massimo Dutti a Milano.

 

Tags
innovazione digitale
digital marketing
retail